I futuri genitori amanti della montagna e del trekking non devono pensare che questa piacevole attività debba essere accantonata con l’arrivo di un bebè. Passeggiare in montagna fa bene anche ai bambini piccoli, incuriositi e stimolati dai rumori e i colori della natura.

Perché rinunciare? Basta scegliere il passeggino adatto.

Come scegliere il passeggino adatto agli amanti del trekking

Se vivete in campagna o frequentemente vi recate in montagna è meglio scegliere un passeggino che possa agevolarvi anche sugli sterrati.

Quali caratteristiche deve avere?

  • Ruote grandi
  • Telaio leggero
  • Tessuti anti UV

Se il telaio leggero aiuta negli spostamenti, le ruote sono forse il dettaglio più importante.
Per procedere su uno sterrato senza grandi difficoltà è bene scegliere un passeggino con ruote grandi, piene, così da evitare forature, ma soprattutto è consigliabile un modello a tre ruote. Quella anteriore centrale che ruota a 360° aggira facilmente gli ostacoli, mentre le due posteriori danno stabilità.

Un modello amato dagli appassionati di trekking è il Baby Jogger City Elite, a discapito del nome, è perfetto per passeggiare in montagna.
Un passeggino sportivo e pratico, grazie al suo telaio leggero che si richiude su se stesso in maniera compatta e permette di portarlo nel portabagagli comodamente; le tre ruote favoriscono movimenti agevoli; inoltre i tessuti sono resistenti ai raggi UV, fattore importantissimo in montagna, dove si sa, i raggi solari sono più forti.

Se cercate un prodotto “ibrido”, meno sportivo, ideale anche per trekking urbano o in altri contesti, consigliamo il telaio Cybex Platinum.
Le quattro ruote assicurano aderenza su qualunque selciato, coniugando sicurezza ad estetica. Cybex si sa è una garanzia in fatto di sicurezza e qualità. Disponibili anche con dettagli oro rosa, di grande tendenza.

Altri passeggini o trio ideali per passeggiate sportive, sono i Junama.
Le ruote grandi e antiforatura, gli ammortizzatori che attutiscono i colpi, i tessuti anti-uv lo rendono un carrozzino gettonato tra le coppie che amano passeggiare, senza mai dimenticare quel tocco di glamour!

Alternative al passeggino da trekking

Se volete passeggiare liberi senza dover spingere un passeggino sappiate che esistono diverse alternative da scegliere anche in base all’età del bambino, per far stare non solo lui comodo ma anche voi genitori.

Zaino da trekking

Lo zaino da trekking come quello di Brevi è una soluzione alternativa al passeggino. Studiato per distribuire il peso sulla schiena, il bambino sarà comodamente seduto e protetto ma al tempo stesso potrà guardarsi intorno e godersi insieme a mamma e papà la passeggiata.
Inoltre lo zaino rimane in piedi grazie ad una basetta al di sotto della seduta, che permette di sganciarlo e agganciarlo in totale sicurezza.

Marsupio

Ci sono genitori che preferiscono il marsupio. Anche questo può diventare un ottimo supporto per portare con sé i piccoli, ma attenzione, va bene quando i bambini sono ancora neonati, ma passeggiare a lungo con il marsupio può risultare difficoltoso.
I marsupi Bjorn ad esempio, possono essere indossati sia tenendo il bambino davanti che dietro. Cambiare la posizione può aiutare il genitore che lo porta a non appesantire sempre lo stesso lato.

Fascia

La fascia è l’ideale per portare con sé un neonato. Starà comodo e sempre a contatto con la sua mamma o con il papà. Attenzione a sceglierla di buona qualità e che distribuisca bene il peso.
Resistenti ed elastiche allo stesso tempo sono le fasce di Manduca, in jersey ecologico, ideali per i neonati, e se i neonati sono due non c’è problema, Mimi Monckey ha ideato la fascia gemellare.

Non resta che scegliere il vostro supporto preferito sul nostro sito, riceverete i vostri acquisti direttamente a casa, pronti per le prossime passeggiate immersi nella natura.

Pin It on Pinterest

Share This