Recinti per bambini: giocare in sicurezza

Recinti per bambini: giocare in sicurezza

I recinti e i box per i bimbi sono davvero molto utili e si comprano quando il bimbo riesce a stare seduto da solo, dai 4-5 mesi circa in poi, per lasciarlo giocare in libertà e fare le sue prime importanti scoperte, proteggendolo al tempo stesso da urti, cadute e pericoli. Per questo motivo, il recinto bimbi è sicuro, imbottito, e tutti i materiali con cui è realizzato hanno lo scopo di proteggerlo lasciando al tempo stesso la libertà di movimento. I recinti e i box dei bimbi si sistemano di solito in salotto o comunque nella stanza in cui chi si prende cura di lui passa la maggior parte del tempo, e sono fatti in modo che, anche quando il bimbo impara ad alzarsi, non riesca a scavalcarlo. Il vantaggio principale dei recinti risiede nel fatto che il bimbo è libero di giocare senza mettersi nei guai, e quindi per le mamme, i papà e i nonni rappresenta un momento di pausa, potendosi dedicare ad altro.

Recinto per bambini: come sceglierlo?

Il recinto bimbi va acquistato in funzione dello spazio disponibile in casa. Esistono sia modelli pieghevoli che fissi, e i materiali sono vari, dai più pregiati in legno fino a quelli in plastica. I recinti e i box migliori hanno comunque tutti in comune la massima sicurezza nella progettazione. Al di là dei materiale con cui è realizzato, il recinto per i bimbi deve essere sicuro e confortevole, senza spigoli e con materiali molto resistenti, progettati per essere a prova di bimbo. Il recinto poi potrà essere riempito con giochi, cuscini, peluche e tutti i prodotti adatti all’età del bimbo, e in questo modo si potranno trascorrere ore di divertimento in tutta sicurezza.

Recinto bimbi: i colori e le forme

I recinti per bimbo più attuali sono di stoffa e plastica, con colori variopinti e allegri e con una morbida imbottitura. Hanno delle pratiche retine e sono molto leggeri, pensati per essere spostati o chiusi in modo semplice. I modelli più tradizionali, invece, possono essere di legno, ma sempre sicuri e solidi. Le forme in genere sono quadrate o rettangolari.

Recinti per bambini per tutte le esigenze: scopri le proposte de La Casa del Bebè!

 

Fate crescere il vostro bimbo giocando

Fate crescere il vostro bimbo giocando

La crescita del tuo bambino è importante, dedicare il giusto tempo e spazio ai suoi desideri senza mai impedire la sua possibilità di sbagliare, è necessario. Rispettare la normale propensione del vostro bambino e far in modo che cresca sperimentando e quindi anche sbagliando il più delle volte, gli permetterà di imparare molto sul mondo; spesso le mamme credono che bisogna proteggere i propri pargoli da qualsiasi eventuale pericolo, ma in realtà non è affatto una scelta saggia secondo il metodo Montessori.

Il gioco va di pari passo con la crescita

Attraverso il gioco vostro figlio conoscerà e perfezionerà i suoi sensi; i bambini hanno bisogno di sviluppare il tatto ed in particolare di apprendere come funziona la loro percezione mano-occhio, quindi il miglior gioco che possano fare è girare per casa, cadere e rialzarsi. La dimensione del gioco aiuta ad esercitare il problem solving del bambino, che impara a misurarsi con il suo senso di tolleranza e la sua determinazione per il raggiungimento di un obiettivo. Comprendere come ottenere un risultato, e di volta in volta escogitare un modo per raggiungere lo scopo prefissato in modo sempre più veloce ed efficiente, renderà il vostro bambino un piccolo stratega. Gli sarà molto utile nella vita!

Dove finisce il gioco e dove inizia l’apprendimento?

I giochi per bambini di solito sono catalogati nella categoria di quelle attività prettamente ludiche che non necessariamente, secondo molti genitori, portano alla crescita intellettiva del bambino.
In realtà il gioco stimola e favorisce lo sviluppo anche nell’età che va dai 5 ai 10 anni, evitando di sottoporre, i propri figli, allo stress di seguire solo corsi che hanno prettamente risvolti educativi. Il ruolo del genitori in questa fase è molto importante poiché può essere considerato come un punto di riferimento stimolante che aiuta a comprendere il fine ultimo di un’azione anziché di un’altra.
Ricordate che nei primi anni dei vostri figli vi state relazionando a dei bambini, se il loro modo di reagire ad un vostro ordine può essere diverso da quello che vorreste dovete accettarlo, ed evitare di creare loro l’ansia di dover essere “bimbi grandi”; fategli esprimere pienamente e liberamente la loro personalità.

I bambini assorbono tutto, voi genitori siete il loro esempio: non dimenticatelo mai!

Box e Recinti per Bambini: crescere divertendosi in tutta sicurezza!

Box e Recinti per Bambini: crescere divertendosi in tutta sicurezza!

La fase di crescita del vostro pargolo comprende due momenti fondamentali per il suo corretto e naturale sviluppo: la prima che va dai 0  ai 6 mesi, e la seconda dai 6 mesi ad un anno. I primi mesi sono i più importanti poiché il bambino è costantemente in contatto con i genitori per via dell’esigenza di stare più in braccio che nella culla; (altro…)

Pin It on Pinterest